elementi chiave del divano

Tino Mariani > elementi chiave del divano

I tre elementi chiave del divano: seduta, spalliera e braccioli. Scopriamoli meglio

by Divani Tino Mariani|7 giugno 2019|0 Comments |Poltrone e divani |,

Quali sono gli elementi chiave che compongono il divano? Come è strutturato il principe della zona giorno?

Le tre “componenti” che maggiormente identificano questo elemento d’arredo sono seduta, spalliera e braccioli, che sono però il risultato di una strutturazione molto più complessa e onnicomprensiva.

Per essere davvero funzionale e confortevole, infatti, il divano deve rispettare precise caratteristiche ergonomiche e garantire all’utilizzatore una postura e una posizione corretta. In questo senso, gli specialisti artigiani procedono a una progettazione accurata del divano nella sua interezza, valutando con attenzione la proporzione delle sue dimensioni rispetto al corpo umano e alle sue posture più comuni.

  • La seduta: è l’area del divano sulla quale l’utilizzatore siede
  • La spalliera: è l’elemento al quale l’utilizzatore si appoggia con la zona della schiena, a partire dalle spalle fino ad arrivare al coccige
  • I braccioli: possono anche non essere presenti in alcuni modelli di divano; non sono comunque soltanto un elemento di stile ma anche un particolare che incrementa il grado di comfort del prodotto

Divani, angolari e componibili: quali sono i segni distintivi di ogni modello?

Per dare vita a seduta, spalliera e braccioli realmente performanti, la progettazione del divano terrà conto delle seguenti discriminanti:

  • La lunghezza: da proporzionarsi al numero di persone che potranno utilizzare il divano. Ogni seduta deve avere una larghezza di 70/80 centimetri per garantire la giusta comodità.
  • La profondità: anche in questo caso, si parla di profondità della seduta. La profondità netta della seduta a partire dallo schienale dovrebbe essere di almeno 60 centimetri. Nel caso in cui fosse significativamente maggiore, dovranno essere previsti cuscini da collocare dietro la schiena per incrementare il comfort.
  • L’altezza: nuovamente, questo fattore riguarda la seduta. Questa dovrà essere collocata a 40/45 centimetri da terra così da poter appoggiare correttamente i piedi sul pavimento.
  • L’altezza totale: il parametro si riferisce all’altezza complessiva del divano, comprensiva stavolta dello schienale, e che dovrebbe essere di circa 80/90 centimetri da terra. Per quanto riguarda lo schienale, un buon progettista dovrà naturalmente tenere conto anche del fattore dell’inclinazione.

È importante sottolineare che, per quanto riguarda lo schienale, la densità del materiale che imbottisce il divano sarà differente e più soffice rispetto alla seduta così da evitare un appoggio troppo rigido per le spalle.

Infine, un inciso sui braccioli: sono definibili come gli elementi che delimitano le estremità del divano, e hanno uno scopo tanto estetico quanto funzionale. Servono essenzialmente per appoggiare gomiti e avambracci, e possono essere semoventi rispetto alla struttura del divano.

Desiderate scoprire di più sul nostro servizio di realizzazione divani su misura? Contattateci per una consulenza senza impegno!

Guarda la collezione di divani angolari e componibili Tino Mariani.